In occasione della V° edizione del Corteo Storico "Ruvo Carafa e la Leggenda", MOTO PERPETUO kermesse di arte e cultura - galleria Clitorosso


 
 
 
 
 
MOTO PERPETUO -galleria Clitorosso  Piazza Felice Cavallotti, 70037 Ruvo di Puglia BA, Italia
Nella spiegazione scientifica di moto perpetuo è previsto il funzionamento di una macchina con un moto che si mantiene costante nel tempo senza intervento esterno. Prima della formulazione newtoniana delle leggi della dinamica, invece, si riteneva che un corpo per muoversi avesse sempre bisogno di apporto di energia; solo successivamente tale cognizione è stata rivista, in quanto sono stati identificati esempi di moto indefinito, come il moto degli elettroni a livello atomico e il moto dei corpi celesti che, nel muoversi, non utilizzano energia. La condizione umana di un artista può senz'altro paragonarsi a un "moto perpetuo", poiché l'energia creativa, scaturita da una incessante volontà di comun...
icare, è un fattore costantemente alimentato da una forza interiore, presente in ogni artista. Tale forza può non avere bisogno di stimoli esterni per innescarsi, in quanto si nutre di se stessa e vive di questa "volontà generatrice" in modo del tutto autonomo. Come per il moto perpetuo di origine scientifica, di cui se ne possono classificare due specie, ossia se rispettano o meno le leggi della termodinamica, allo stesso modo possiamo pensare di suddividere il moto perpetuo creativo di un artista in due forme: la prima, "auto-generativa", basata su una energia interiore, non esterna e dunque inesauribile, presente nella volontà creativa di ogni artista; la seconda "indotta", che scaturisce da un'attenta riflessione sul mondo circostante e la società in cui l'artista è immerso, sollecitata sovente da un "male di vivere" tipico del mondo contemporaneo, in cui il pessimismo, la paura, la solitudine, innescano processi energetici, e dunque creativi, capaci di raccontare l'uomo e la sua umanità negli aspetti intimi, spesso più sconcertanti e irrazionali. "I Fiori del Male" germogliano nel terreno del disagio e del disorientamento, sono semi che resistono e rifioriscono costantemente, evolvendosi in tante varietà diverse, ma in fondo restando sempre gli stessi, nel loro nucleo doloroso e oscuro. Eppure, nella corruzione del mondo, solo l'arte è in grado di produrre bellezza, e la condizione peculiare nella quale vive un artista, immerso e ugualmente avulso dalla realtà circostante, può attivare un processo di moto perpetuo creativo. Anche l'esaltazione della bellezza umana e della natura, l'amore, la morte possono generare forze creative che hanno un'unica ragione di essere: comunicare creando, tuttavia, non è immotivato ritenere che la condizione di un'artista possa rivelarsi una condanna, poichè la sua esistenza si svolge continuamente sospesa tra il "buio e la Luce", l'esaltazione e l'angoscia, la ragione e la follia, nella consapevolezza lancinante di non aver "detto e fatto" ancora tutto. Una ricerca continua, incessante e mai appagante fino in fondo, che conduce lo stesso artista a un'instancabile coazione a ripetere, un inesausto susseguirsi di azioni - creazioni che tentano, in qualche modo, di placare una inarrestabile inquietudine comunicativa.
(Daniela Raffaele-Clitorosso)
« ...se concepiamo un essere con una vista così acuta da poter seguire ogni molecola nel suo movimento, tale essere, i cui attributi sono essenzialmente finiti quanto i nostri, potrebbe fare ciò che è impossibile per noi» (James Clerk Maxwell)


In occasione della V° edizione del Corteo Storico "Ruvo Carafa e la Leggenda", e contemporaneamente alla I° edizione della rassegna "Il Vino oltre le mura" che si terrà a Ruvo di Puglia il 10 -11 giugno 2017, la "Clitorosso art gallery", in piazza F.Cavallotti 25-26,organizza l'evento "Moto perpetuo", kermesse di arte e cultura. Partendo dalla definizione di "moto perpetuo", in cui si esplica il concetto di "continuità", l'evento vuole creare una sinergia tra passato e presente, antico e contemporaneo, ricordando un periodo storico e conservandone negli anni la memoria, proprio come il percorso interiore di un artista, fatto di beltà e unicità ma anche di coscienza e appassionante esistenza in cui tutto scorre e si ripete inesorabilmente. Nella galleria Clitorosso, dal 10 al 18 giugno 2017, saranno esposte le opere dell'artista Claudia Venuto, che ha all'attivo premi e riconoscimenti e la partecipazione a numerose e importanti mostre personali e collettive in Italia e all’estero, la cui ricerca mira ad approfondire l’aspetto multidimensionale della realtà; e Daniela Raffaele (Clitorosso), artista poliedrica che annovera numerosi premi nel panorama artistico, spazia dalle arti figurative alla performance non disdegnando la realizzazione di Flashmob per la sensibilizzazione su temi sociali, e che profonde il suo impegno artistico anche organizzando mostre ed eventi culturali nella "Clitorosso Art Gallery" di cui è titolare. Due stili pittorici stilisticamente contrapposti ma in dialogo con il "moto perpetuo", che è da ricercarsi in un flusso continuo di coscienza, e nel susseguirsi ininterrotto dei pensieri che agiscono in un uno stato simile al sogno, nel quale l'uomo finisce col perdersi rimanendo imprigionato fra desideri, pulsioni, paure, pregiudizi, presunzioni, ingannevoli certezze. In questo stato alterato di coscienza e torpore, irrompono fugaci e improvvise epifanie di consapevolezza, che aprono finestre sulla realtà interiore consentendo di cogliere l'essenza delle cose.

  Il vernissage di "Moto perpetuo" è in programma il giorno 11 giugno alle 19.00, presso "Clitorosso art gallery", in piazza F.Cavallotti 25-26, a Ruvo. L'evento prevede la performace di body painting "Mutamenti", a cura dell'artista pluripremiato Massimo Nardi, noto nel panorama dell'arte contemporanea pugliese e nazionale, art director del "Sito dell'Arte" e curatore di numerosi eventi artistico-culturali. La stilista teatrale Silvia Ramacciotti, ideatrice del brand "Shirubia" e cresciuta professionalmente nelle migliori sartorie romane, realizzerà un abito che rivisiterà con materiali alternativi lo stile settecentesco in chiave contemporanea, creando un legame tra passato e presente, antico e moderno. Il modello originale sarà indossato a fine performance da una modella, che sfilerà per i presenti. La mostra "Moto perpetuo", con le opere delle artiste Claudia Venuto e Daniela Raffaele (Clitorosso), sarà visitabile dal 10 al 18 giugno 2017, tutti i giorni dalle 18.30 alle 21.00 c/o la "Clitorosso art gallery" in P.zza F.Cavallotti 25-26, a Ruvo di Puglia (Ba) info :clitorosso@libero.it  - 3457041221

Post più popolari