Mercoledì 25 Aprile, l’Archeoclub inaugura l’Albero della libertà




Si svolgerà Mercoledì 25 Aprile dalle 18 la Cerimonia di inaugurazione dell’“Albero della libertà”, realizzato da Giuseppe Teofilo, vincitore del concorso di idee bandito nel 2016 dall’Archeoclub in collaborazione con il Comune.

Mercoledì 25 Aprile dalle 18 Marco Bruno, presidente dell’Archeoclub Sante Zirioni condurrà i visitatori alla scoperta dell’affascinante borgo antico di Acquaviva delle Fonti, raccontando le storie e i personaggi dei moti rivoluzionari del 1799.
Alle 21 in Piazza dei Martiri si svolgerà la Cerimonia di inaugurazione dell’ “Albero della libertà”, realizzato dall’artista Giuseppe Teofilo, vincitore del concorso di idee per la realizzazione di un’opera d’arte che rappresenti un albero della libertà, bandito nel 2016 dall’Archeoclub in collaborazione con il Comune.
Oltre al presidente dell’Archeoclub, saranno presenti i componenti della commissione giudicante del concorso:
– Lia De Venere, già docente di Storia dell’arte contemporanea, Accademia di Belle Arti e Università degli Studi di Bari, critico d’arte (presidente)
– Marisa Milella, già ispettore storico dell’arte, Mibact
– Alfonso Pisicchio, docente di Decorazione, Accademia di Belle Arti di Bari
– Daniele Trevisi, artista.
Questa la motivazione della decisione della commissione:
“L’opera di Giuseppe Teofilo corrisponde in pieno ai principi enunciati dal Bando. Rievoca, infatti, il sistema di valori civili e sociali che l’Albero della Libertà simboleggia. L’artista è riuscito ad attualizzare la tematica della libertà ricorrendo al sistema di accesso alla conoscenza e all’informazione rappresentato dal web. Dal punto di vista formale l’opera richiama la forma del globo terrestre, “strumento-antenna” generatore della comunicazione e riflettente il rapporto uomo-ambiente. L’opera per la sua attualità si propone come opportunità aggregante indirizzata alle giovani generazioni, nel ricordo attuale della storia con il ricorso all’uso intelligente della tecnologia”.
Acquaviva delle Fonti, 18 marzo 2016
Dal 22 al 25 aprile dalle 18 alle 21 tutti i progetti partecipanti al concorso saranno esposti a cura dell’Archeoclub nella sala Anagrafe di Palazzo De Mari.
CONCEPT DELL’OPERA
L’altezza dell’opera è obbligata dal bando, le dimensioni totali sono 6×1,3 m. Si tratta di un’antenna free WiFi in lamiera d’acciaio lucidata a specchio. L’acciaio specchiato dell’opera riflette lo spazio pubblico circostante e la popolazione che vi si avvicina. Il futuro Albero della Libertà di Acquaviva delle Fonti permetterà di navigare in modo libero sul web dopo aver esplorato l’homepage e letto i fatti sull’albero della libertà issato ad Acquaviva delle Fonti nel 1799, su Francesco Federico Pepe e sull’eroe per la libertà: il sindaco Francesco Supriani.
Internet, la navigazione web e il potere di condivisione di ideali attraverso le piattaforme Social diventano garanti di un’idea globale di democrazia. Sono uno strumento repubblicano per eccellenza. Lo scoppio della “primavera araba” nel 2010 ne è un esempio mentre il controllo e la censura del web da parte di regimi totalitari ne è la prova.
La forma dell’oggetto è a goccia ed è dettata da una deformazione della sfera terrestre pizzicandone un polo ed allungandolo ad antenna/albero.
Con la realizzazione di questo progetto il Comune di Acquaviva delle Fonti deve garantire la perpetua e libera connessione affinché tutti i cittadini, senza distinzioni di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche o di condizioni personali o sociali, possano accedere a un chiaro strumento di libertà e democrazia.



Post più popolari